Jesolo Lido e il suo lungomare adriatico

  +39 349 8043761
Ca’ Venezia Appartamenti - Via Rossini, 7 - 30016 Jesolo Lido (VE)
© 2018

Quindici  

chilometri  

di  

spiaggia,  

di  

caratteristici  

pontili  

protesi  

verso  

il  

mare,  

tra  

le  

foci  

del  

Piave  

e  

del  

Sile:

questo  

e'  

il  

Lido  

di  

Jesolo,  

che  

qualcuno  

gia'  

osa  

chiamare  

la  

Miami  

europea.  

A  

solo  

mezz'ora  

da  

Venezia,  

con

un'arenile   

di   

sabbia   

dolomitica   

finissima   

dalle   

preziose   

proprieta'   

curative,   

ed   

i   

bassi   

fondali   

che   

lo

compongono, questo litorale e’ uno dei paradisi delle famiglie del nostro Vecchio Continente.

Jesolo  

si  

estende  

a  

sudovest  

verso  

il  

Cavallino  

e  

Venezia  

come  

una  

sottile  

lingua  

di  

terra  

prospiciente  

le  

acque

dell'Alto  

Adriatico,  

con  

alle  

spalle  

le  

estremita'  

della  

Laguna  

Nord,  

la  

Valle  

del  

Cavallino,  

subito  

dopo  

la

Falconera,  

quindi  

le  

Valli  

degli  

Orcoli,  

delle  

Fosse,  

la  

Paluda  

e  

Dragojesolo,  

che  

giunge quasi  

a  

lambir  

le  

prime

abitazioni del litorale.

Si  

puo'  

essere  

portati  

a  

credere  

che  

Jesolo  

sia  

in  

qualche  

modo  

"figlia"  

di  

Venezia,  

almeno  

turisticamente

parlando, anche se non e' sempre stato cosi'.

Jesolo  

con  

i  

suoi  

500  

alberghi,  

15.000  

tra  

ville,  

case,  

appartamenti  

ed  

una  

decina  

di  

campings  

e'  

senza

dubbio la piu' importante localita' turistica del Veneto.

Jesolo   

e'   

una   

striscia   

di   

sabbia   

morbida   

e   

finissima   

dal   

colore   

ambrato   

dovuto   

alla   

sua   

nobile   

origine

dolomitica,  

lunga  

15  

chilometri  

ritmati  

dai  

caratteristici  

pontili,  

perfettamente  

attrezzata,  

dotata  

di  

tutti  

i

conforts e le strutture del turismo piu' evoluto.

La  

spiaggia  

di  

Jesolo  

e'  

una  

delle  

piu'  

frequentate  

d'Italia  

e  

una  

delle  

piu'  

amate  

dagli  

ospiti  

di  

tutto  

il  

mondo

fin  

dai  

primi  

anni  

dello  

secolo  

scorso.  

Il  

successo  

di  

Jesolo  

e'  

il  

risultato  

dell'intelligenza  

turistica  

che  

ha

saputo  

integrare  

l'offerta  

di  

servizi  

con  

un'ampissima  

varieta'  

di  

proposte  

di  

svago  

e  

divertimento  

:  

campi  

da

tennis, golf, minigolf, scuole d'equitazione, una pista di kart omologata per gare di campionato mondiale.

E  

poi  

la  

notte  

a  

Jesolo  

e'  

una  

delle  

piu'  

straordinarie  

dell'Adriatico  

con  

le  

sue  

sale  

da  

ballo,  

le  

grandi

discoteche ed eleganti night-clubs.

La  

storia  

di  

Jesolo  

è  

legata  

all'antica  

Equilio,  

uno  

dei  

più  

importanti  

abitati  

della  

Laguna  

Veneta  

per  

tutto

l'Alto  

Medioevo.  

A  

partire  

dal  

IX  

secolo,  

una  

serie  

di  

sconvolgimenti  

ambientali  

e  

politici  

portò  

questo  

fiorente

centro, sede anche di una diocesi, a decadere rapidamente.

Alla  

fine  

del  

XV  

secolo  

la  

località  

era  

ridotta  

a  

pochi  

casolari  

semi  

disabitati.  

  

La  

lenta  

ripresa  

avvenne  

grazie  

al

patrizio  

veneziano  

Soranzo,  

proprietario  

di  

molte  

terre  

nella  

zona,  

che  

fece  

costruire,  

a  

proprie  

spese,  

una

chiesa,  

poi  

dedicata  

a  

San  

Giovanni  

Battista  

ed  

eretta  

a  

parrocchia,  

la  

più  

antica  

del  

Basso  

Piave.  

Attorno  

alla

nuova  

chiesa  

si  

ricostituì  

il  

villaggio  

per  

favorire  

l'abitabilità  

della  

zona,  

la  

Repubblica  

di  

Venezia  

attuò  

vari

interventi  

di  

diversione  

fluviale,  

miranti  

principalmente  

ad  

allontanare  

i  

fiumi  

Piave  

e  

Sile,  

venne  

nel  

1499

costruito  

un  

canale  

che  

collegava  

il  

vecchio  

alveo  

del  

Piave  

(ora  

Sile)  

a  

quello  

attuale.  

Questo  

cavale  

(cava),

che  

passava  

per  

il  

nuovo  

paese,  

fu  

realizzato  

dall'ingegnere  

Alvise  

Zucharin  

e  

diede  

nome  

al  

nuovo  

abitato,

Cavazuccherina.

In  

seguito  

alla  

conquista  

napoleonica  

di  

Venezia,  

e  

alla  

nuova  

suddivisione  

amministrativa  

del  

territorio,

Jesolo  

(Cavazuccherina)  

divenne  

comune  

autonomo  

di  

III  

classe  

il  

(22  

dicembre  

1807).  

Cacciato  

Napoleone,

gli  

austriaci  

costituirono  

un  

consorzio  

per  

favorire  

il  

miglioramento  

dei  

territori  

lagunari,  

ormai  

ridotti  

a

palude ("Consorzio Passarella").

L'annessione  

al  

Regno  

d'Italia  

non  

migliorò  

la  

situazione  

preesistente.  

Durante  

la  

prima  

guerra  

mondiale  

la

popolazione  

di  

Cavazuccherina  

fu  

costretta  

ad  

evacuare.  

Mentre  

gli  

Italiani  

allagavano  

la  

zona  

di  

Caposile,

verso  

le  

foci  

del  

Piave,  

gli  

austriaci  

presidiavano  

il  

territorio  

paludoso,  

dove  

la  

malaria  

e  

l'influenza  

spagnola

(febbre di origine virale), mietevano vittime.

Nel  

primo  

dopoguerra  

ripresero  

i  

lavori  

di  

bonifica,  

che  

furono  

predisposti  

dai  

"Consorzi  

di  

Bonifica  

del  

Basso

Piave".  

La  

"Grande  

Bonifica"  

fu  

realizzata  

tra  

il  

1920  

ed  

il  

1930:  

furono  

introdotte  

le  

coltivazioni  

di  

frumento,

granoturco e barbabietola da zucchero, alle quali si aggiunsero le piantagioni di alberi da frutto ed i vigneti.

  

Il  

28  

agosto  

1930  

il  

comune  

fu  

rinominato  

con  

l'antico  

nome  

di  

Jesolo  

e  

dal  

1936  

le  

località  

di  

"Marina  

Bassa"

e di "Spiaggia" furono denominate "Lido di Jesolo".

La   

rinascita   

agricola   

coincise   

con   

la   

"riscoperta"   

di   

Jesolo:   

nacquero   

i   

primi   

stabilimenti   

per   

le   

cure

elioterapiche.  

Risalgono  

agli  

anni  

trenta  

i  

primi  

alberghi  

ed  

i  

primi  

ristoranti:  

lo  

sviluppo  

segnò  

una  

battuta

d'arresto  

con  

lo  

scoppio  

della  

Seconda  

guerra  

mondiale  

ma,  

tornata  

la  

pace,  

la  

ripresa  

partì  

a  

ritmo  

sempre

più veloce.

Jesolo  

Lido  

ha  

ospitato  

negli  

anni  

ottanta,  

in  

una  

struttura  

della  

Croce  

Rossa  

Italiana  

un  

centinaio  

cittadini

polacchi  

che  

avevano  

richiesto  

asilo  

politico  

e  

negli  

anni  

novanta  

circa  

1400  

profughi  

provenienti  

dalla  

ex-

Jugoslavia.  

Nel  

biennio  

2007-2008  

la  

struttura  

è  

stata  

utilizzata  

dalla  

Croce  

Rossa  

Italiana  

per  

corsi  

di

aggiornamento  

e,  

durante  

il  

periodo  

estivo,  

per  

ospitare  

gli  

agenti  

di  

Polizia  

che  

vengono  

distaccati  

presso  

la

città  

per  

mantenere  

l'ordine  

pubblico.  

Dall'estate  

del  

2007  

la  

struttura  

ha  

nuovamente  

ospitato  

dei  

profughi

provenienti da alcuni paesi del continente africano.

  +39 349 8043761
Ca’ Venezia Apprtamenti - Via Rossini, 7 - 30016 Jesolo Lido (VE)
© 2018

Jesolo Lido e il suo lungomare adriatico

Quindici  

chilometri  

di  

spiaggia,  

di  

caratteristici  

pontili  

protesi  

verso  

il  

mare,  

tra  

le  

foci  

del  

Piave  

e  

del  

Sile:

questo  

e'  

il  

Lido  

di  

Jesolo,  

che  

qualcuno  

gia'  

osa  

chiamare  

la  

Miami  

europea.  

A  

solo  

mezz'ora  

da  

Venezia,  

con

un'arenile   

di   

sabbia   

dolomitica   

finissima   

dalle   

preziose   

proprieta'   

curative,   

ed   

i   

bassi   

fondali   

che   

lo

compongono, questo litorale e’ uno dei paradisi delle famiglie del nostro Vecchio Continente.

Jesolo  

si  

estende  

a  

sudovest  

verso  

il  

Cavallino  

e  

Venezia  

come  

una  

sottile  

lingua  

di  

terra  

prospiciente  

le  

acque

dell'Alto  

Adriatico,  

con  

alle  

spalle  

le  

estremita'  

della  

Laguna  

Nord,  

la  

Valle  

del  

Cavallino,  

subito  

dopo  

la

Falconera,  

quindi  

le  

Valli  

degli  

Orcoli,  

delle  

Fosse,  

la  

Paluda  

e  

Dragojesolo,  

che  

giunge quasi  

a  

lambir  

le  

prime

abitazioni del litorale.

Si  

puo'  

essere  

portati  

a  

credere  

che  

Jesolo  

sia  

in  

qualche  

modo  

"figlia"  

di  

Venezia,  

almeno  

turisticamente

parlando, anche se non e' sempre stato cosi'.

Jesolo  

con  

i  

suoi  

500  

alberghi,  

15.000  

tra  

ville,  

case,  

appartamenti  

ed  

una  

decina  

di  

campings  

e'  

senza

dubbio la piu' importante localita' turistica del Veneto.

Jesolo   

e'   

una   

striscia   

di   

sabbia   

morbida   

e   

finissima   

dal   

colore   

ambrato   

dovuto   

alla   

sua   

nobile   

origine

dolomitica,  

lunga  

15  

chilometri  

ritmati  

dai  

caratteristici  

pontili,  

perfettamente  

attrezzata,  

dotata  

di  

tutti  

i

conforts e le strutture del turismo piu' evoluto.

La  

spiaggia  

di  

Jesolo  

e'  

una  

delle  

piu'  

frequentate  

d'Italia  

e  

una  

delle  

piu'  

amate  

dagli  

ospiti  

di  

tutto  

il  

mondo

fin  

dai  

primi  

anni  

dello  

secolo  

scorso.  

Il  

successo  

di  

Jesolo  

e'  

il  

risultato  

dell'intelligenza  

turistica  

che  

ha

saputo  

integrare  

l'offerta  

di  

servizi  

con  

un'ampissima  

varieta'  

di  

proposte  

di  

svago  

e  

divertimento  

:  

campi  

da

tennis, golf, minigolf, scuole d'equitazione, una pista di kart omologata per gare di campionato mondiale.

E  

poi  

la  

notte  

a  

Jesolo  

e'  

una  

delle  

piu'  

straordinarie  

dell'Adriatico  

con  

le  

sue  

sale  

da  

ballo,  

le  

grandi

discoteche ed eleganti night-clubs.

La  

storia  

di  

Jesolo  

è  

legata  

all'antica  

Equilio,  

uno  

dei  

più  

importanti  

abitati  

della  

Laguna  

Veneta  

per  

tutto

l'Alto  

Medioevo.  

A  

partire  

dal  

IX  

secolo,  

una  

serie  

di  

sconvolgimenti  

ambientali  

e  

politici  

portò  

questo  

fiorente

centro, sede anche di una diocesi, a decadere rapidamente.

Alla  

fine  

del  

XV  

secolo  

la  

località  

era  

ridotta  

a  

pochi  

casolari  

semi  

disabitati.  

  

La  

lenta  

ripresa  

avvenne  

grazie  

al

patrizio  

veneziano  

Soranzo,  

proprietario  

di  

molte  

terre  

nella  

zona,  

che  

fece  

costruire,  

a  

proprie  

spese,  

una

chiesa,  

poi  

dedicata  

a  

San  

Giovanni  

Battista  

ed  

eretta  

a  

parrocchia,  

la  

più  

antica  

del  

Basso  

Piave.  

Attorno  

alla

nuova  

chiesa  

si  

ricostituì  

il  

villaggio  

per  

favorire  

l'abitabilità  

della  

zona,  

la  

Repubblica  

di  

Venezia  

attuò  

vari

interventi  

di  

diversione  

fluviale,  

miranti  

principalmente  

ad  

allontanare  

i  

fiumi  

Piave  

e  

Sile,  

venne  

nel  

1499

costruito  

un  

canale  

che  

collegava  

il  

vecchio  

alveo  

del  

Piave  

(ora  

Sile)  

a  

quello  

attuale.  

Questo  

cavale  

(cava),

che  

passava  

per  

il  

nuovo  

paese,  

fu  

realizzato  

dall'ingegnere  

Alvise  

Zucharin  

e  

diede  

nome  

al  

nuovo  

abitato,

Cavazuccherina.

In  

seguito  

alla  

conquista  

napoleonica  

di  

Venezia,  

e  

alla  

nuova  

suddivisione  

amministrativa  

del  

territorio,

Jesolo  

(Cavazuccherina)  

divenne  

comune  

autonomo  

di  

III  

classe  

il  

(22  

dicembre  

1807).  

Cacciato  

Napoleone,

gli  

austriaci  

costituirono  

un  

consorzio  

per  

favorire  

il  

miglioramento  

dei  

territori  

lagunari,  

ormai  

ridotti  

a

palude ("Consorzio Passarella").

L'annessione  

al  

Regno  

d'Italia  

non  

migliorò  

la  

situazione  

preesistente.  

Durante  

la  

prima  

guerra  

mondiale  

la

popolazione  

di  

Cavazuccherina  

fu  

costretta  

ad  

evacuare.  

Mentre  

gli  

Italiani  

allagavano  

la  

zona  

di  

Caposile,

verso  

le  

foci  

del  

Piave,  

gli  

austriaci  

presidiavano  

il  

territorio  

paludoso,  

dove  

la  

malaria  

e  

l'influenza  

spagnola

(febbre di origine virale), mietevano vittime.

Nel  

primo  

dopoguerra  

ripresero  

i  

lavori  

di  

bonifica,  

che  

furono  

predisposti  

dai  

"Consorzi  

di  

Bonifica  

del  

Basso

Piave".  

La  

"Grande  

Bonifica"  

fu  

realizzata  

tra  

il  

1920  

ed  

il  

1930:  

furono  

introdotte  

le  

coltivazioni  

di  

frumento,

granoturco e barbabietola da zucchero, alle quali si aggiunsero le piantagioni di alberi da frutto ed i vigneti.

  

Il  

28  

agosto  

1930  

il  

comune  

fu  

rinominato  

con  

l'antico  

nome  

di  

Jesolo  

e  

dal  

1936  

le  

località  

di  

"Marina  

Bassa"

e di "Spiaggia" furono denominate "Lido di Jesolo".

La   

rinascita   

agricola   

coincise   

con   

la   

"riscoperta"   

di   

Jesolo:   

nacquero   

i   

primi   

stabilimenti   

per   

le   

cure

elioterapiche.  

Risalgono  

agli  

anni  

trenta  

i  

primi  

alberghi  

ed  

i  

primi  

ristoranti:  

lo  

sviluppo  

segnò  

una  

battuta

d'arresto  

con  

lo  

scoppio  

della  

Seconda  

guerra  

mondiale  

ma,  

tornata  

la  

pace,  

la  

ripresa  

partì  

a  

ritmo  

sempre

più veloce.

Jesolo  

Lido  

ha  

ospitato  

negli  

anni  

ottanta,  

in  

una  

struttura  

della  

Croce  

Rossa  

Italiana  

un  

centinaio  

cittadini

polacchi  

che  

avevano  

richiesto  

asilo  

politico  

e  

negli  

anni  

novanta  

circa  

1400  

profughi  

provenienti  

dalla  

ex-

Jugoslavia.  

Nel  

biennio  

2007-2008  

la  

struttura  

è  

stata  

utilizzata  

dalla  

Croce  

Rossa  

Italiana  

per  

corsi  

di

aggiornamento  

e,  

durante  

il  

periodo  

estivo,  

per  

ospitare  

gli  

agenti  

di  

Polizia  

che  

vengono  

distaccati  

presso  

la

città  

per  

mantenere  

l'ordine  

pubblico.  

Dall'estate  

del  

2007  

la  

struttura  

ha  

nuovamente  

ospitato  

dei  

profughi

provenienti da alcuni paesi del continente africano.

© 2018

Quindici   

chilometri   

di   

spiaggia,   

di   

caratteristici   

pontili

protesi  

verso  

il  

mare,  

tra  

le  

foci  

del  

Piave  

e  

del  

Sile:  

questo  

e'

il  

Lido  

di  

Jesolo,  

che  

qualcuno  

gia'  

osa  

chiamare  

la  

Miami

europea.   

A   

solo   

mezz'ora   

da   

Venezia,   

con   

un'arenile   

di

sabbia    

dolomitica    

finissima    

dalle    

preziose    

proprieta'

curative,   

ed   

i   

bassi   

fondali   

che   

lo   

compongono,   

questo

litorale  

e’  

uno  

dei  

paradisi  

delle  

famiglie  

del  

nostro  

Vecchio

Continente.

Jesolo  

si  

estende  

a  

sudovest  

verso  

il  

Cavallino  

e  

Venezia

come   

una   

sottile   

lingua   

di   

terra   

prospiciente   

le   

acque

dell'Alto  

Adriatico,  

con  

alle  

spalle  

le  

estremita'  

della  

Laguna

Nord,  

la  

Valle  

del  

Cavallino,  

subito  

dopo  

la  

Falconera,  

quindi

le  

Valli  

degli  

Orcoli,  

delle  

Fosse,  

la  

Paluda  

e  

Dragojesolo,  

che

giunge quasi a lambir le prime abitazioni del litorale.

Si  

puo'  

essere  

portati  

a  

credere  

che  

Jesolo  

sia  

in  

qualche

modo  

"figlia"  

di  

Venezia,  

almeno  

turisticamente  

parlando,

anche se non e' sempre stato cosi'.

Jesolo   

con   

i   

suoi   

500   

alberghi,   

15.000   

tra   

ville,   

case,

appartamenti  

ed  

una  

decina  

di  

campings  

e'  

senza  

dubbio

la piu' importante localita' turistica del Veneto.

Jesolo   

e'   

una   

striscia   

di   

sabbia   

morbida   

e   

finissima   

dal

colore  

ambrato  

dovuto  

alla  

sua  

nobile  

origine  

dolomitica,

lunga    

15    

chilometri    

ritmati    

dai    

caratteristici    

pontili,

perfettamente   

attrezzata,   

dotata   

di   

tutti   

i   

conforts   

e   

le

strutture del turismo piu' evoluto.

La  

spiaggia  

di  

Jesolo  

e'  

una  

delle  

piu'  

frequentate  

d'Italia  

e

una  

delle  

piu'  

amate  

dagli  

ospiti  

di  

tutto  

il  

mondo  

fin  

dai

primi   

anni   

dello   

secolo   

scorso.   

Il   

successo   

di   

Jesolo   

e'   

il

risultato  

dell'intelligenza  

turistica  

che  

ha  

saputo  

integrare

l'offerta  

di  

servizi  

con  

un'ampissima  

varieta'  

di  

proposte  

di

svago   

e   

divertimento   

:   

campi   

da   

tennis,   

golf,   

minigolf,

scuole  

d'equitazione,  

una  

pista  

di  

kart  

omologata  

per  

gare

di campionato mondiale.

E   

poi   

la   

notte   

a   

Jesolo   

e'   

una   

delle   

piu'   

straordinarie

dell'Adriatico  

con  

le  

sue  

sale  

da  

ballo,  

le  

grandi  

discoteche

ed eleganti night-clubs.

La  

storia  

di  

Jesolo  

è  

legata  

all'antica  

Equilio,  

uno  

dei  

più

importanti   

abitati   

della   

Laguna   

Veneta   

per   

tutto   

l'Alto

Medioevo.     

A     

partire     

dal     

IX     

secolo,     

una     

serie     

di

sconvolgimenti  

ambientali  

e  

politici  

portò  

questo  

fiorente

centro, sede anche di una diocesi, a decadere rapidamente.

Alla  

fine  

del  

XV  

secolo  

la  

località  

era  

ridotta  

a  

pochi  

casolari

semi  

disabitati.  

  

La  

lenta  

ripresa  

avvenne  

grazie  

al  

patrizio

veneziano  

Soranzo,  

proprietario  

di  

molte  

terre  

nella  

zona,

che  

fece  

costruire,  

a  

proprie  

spese,  

una  

chiesa,  

poi  

dedicata

a  

San  

Giovanni  

Battista  

ed  

eretta  

a  

parrocchia,  

la  

più  

antica

del   

Basso   

Piave.   

Attorno   

alla   

nuova   

chiesa   

si   

ricostituì   

il

villaggio  

per  

favorire  

l'abitabilità  

della  

zona,  

la  

Repubblica  

di

Venezia  

attuò  

vari  

interventi  

di  

diversione  

fluviale,  

miranti

principalmente  

ad  

allontanare  

i  

fiumi  

Piave  

e  

Sile,  

venne  

nel

1499  

costruito  

un  

canale  

che  

collegava  

il  

vecchio  

alveo  

del

Piave  

(ora  

Sile)  

a  

quello  

attuale.  

Questo  

cavale  

(cava),  

che

passava   

per   

il   

nuovo   

paese,   

fu   

realizzato   

dall'ingegnere

Alvise     

Zucharin     

e     

diede     

nome     

al     

nuovo     

abitato,

Cavazuccherina.

In   

seguito   

alla   

conquista   

napoleonica   

di   

Venezia,   

e   

alla

nuova   

suddivisione   

amministrativa   

del   

territorio,   

Jesolo

(Cavazuccherina)  

divenne  

comune  

autonomo  

di  

III  

classe  

il

(22    

dicembre    

1807).    

Cacciato    

Napoleone,    

gli    

austriaci

costituirono  

un  

consorzio  

per  

favorire  

il  

miglioramento  

dei

territori    

lagunari,    

ormai    

ridotti    

a    

palude    

("Consorzio

Passarella").

L'annessione   

al   

Regno   

d'Italia   

non   

migliorò   

la   

situazione

preesistente.    

Durante    

la    

prima    

guerra    

mondiale    

la

popolazione   

di   

Cavazuccherina   

fu   

costretta   

ad   

evacuare.

Mentre  

gli  

Italiani  

allagavano  

la  

zona  

di  

Caposile,  

verso  

le

foci  

del  

Piave,  

gli  

austriaci  

presidiavano  

il  

territorio  

paludoso,

dove   

la   

malaria   

e   

l'influenza   

spagnola   

(febbre   

di   

origine

virale), mietevano vittime.

Nel   

primo   

dopoguerra   

ripresero   

i   

lavori   

di   

bonifica,   

che

furono  

predisposti  

dai  

"Consorzi  

di  

Bonifica  

del  

Basso  

Piave".

La   

"Grande   

Bonifica"   

fu   

realizzata   

tra   

il   

1920   

ed   

il   

1930:

furono  

introdotte  

le  

coltivazioni  

di  

frumento,  

granoturco  

e

barbabietola    

da    

zucchero,    

alle    

quali    

si    

aggiunsero    

le

piantagioni di alberi da frutto ed i vigneti.

   

Il   

28   

agosto   

1930   

il   

comune   

fu   

rinominato   

con   

l'antico

nome  

di  

Jesolo  

e  

dal  

1936  

le  

località  

di  

"Marina  

Bassa"  

e  

di

"Spiaggia" furono denominate "Lido di Jesolo".

La  

rinascita  

agricola  

coincise  

con  

la  

"riscoperta"  

di  

Jesolo:

nacquero   

i   

primi   

stabilimenti   

per   

le   

cure   

elioterapiche.

Risalgono   

agli   

anni   

trenta   

i   

primi   

alberghi   

ed   

i   

primi

ristoranti:  

lo  

sviluppo  

segnò  

una  

battuta  

d'arresto  

con  

lo

scoppio   

della   

Seconda   

guerra   

mondiale   

ma,   

tornata   

la

pace, la ripresa partì a ritmo sempre più veloce.

Jesolo  

Lido  

ha  

ospitato  

negli  

anni  

ottanta,  

in  

una  

struttura

della  

Croce  

Rossa  

Italiana  

un  

centinaio  

cittadini  

polacchi

che   

avevano   

richiesto   

asilo   

politico   

e   

negli   

anni   

novanta

circa   

1400   

profughi   

provenienti   

dalla   

ex-Jugoslavia.   

Nel

biennio  

2007-2008  

la  

struttura  

è  

stata  

utilizzata  

dalla  

Croce

Rossa   

Italiana   

per   

corsi   

di   

aggiornamento   

e,   

durante   

il

periodo    

estivo,    

per    

ospitare    

gli    

agenti    

di    

Polizia    

che

vengono  

distaccati  

presso  

la  

città  

per  

mantenere  

l'ordine

pubblico.  

Dall'estate  

del  

2007  

la  

struttura  

ha  

nuovamente

ospitato   

dei   

profughi   

provenienti   

da   

alcuni   

paesi   

del

continente africano.

Ca’ Venezia Apts - Via Rossini, 7 - 30016 Jesolo Lido (VE)

  +39 349 8043761